Siria 2.0 - Diario di guerra

Giorno per giorno, immagini, video e storie dalla Siria in guerra. L'8 ottobre, il nostro inviato, Amedeo Ricucci, ha attraversato la frontiera turca ed è entrato in Siria. Come unica dotazione uno smartphone, per unire l'immediatezza dei blog con l'affidabilità del giornalismo professionale.

A fianco la mappa cliccabile con la posizione degli ultimi video. In basso l'archivio video e gli approfondimenti dei nostri esperti.

 

»

 

»

 

»

 
 

Dossier Siria 2.0 - Diario di guerra

  • 09 ottobre
    Come Davide con Golia

    9 ottobre 2012 E' come Davide con Golia. Raffiche cieche di kalashnikov contro l'artiglieria e i Mig, con i loro sofisticati sistemi d'arma. Sarà pur vero, infatti, che in questi ultimi mesi sia il Qatar che l'Arabia Saudita stanno rifornendo di armi i ribelli siriani; ma a conti fatti la spr [...]

    Leggi di più

  • 10 ottobre
    Barili di morte

     10 ottobre Barili da 250 litri, imbottiti di tritolo e sganciati alla cieca dai Mig 21 in picchiata sulle città. E' l'ultima diavoleria escogitata dall'esercito di Assad, che evidentemente è a corto di missili ma non per questo vuole rinunciare a punire la popolazione, che ha osato ribellars [...]

    Leggi di più

  • 11 ottobre
    Scherzare con la guerra

    11 ottobre Una giornata tra i combattenti della brigata “Martiri di Badr“ impegnati sul fronte di Aleppo. Davanti all'obiettivo posano impettiti, le armi in mano e lo sguardo fiero. Poi però guardi la peluria che ne incornicia il viso - e che non è ancora barba - e pensi che in fondo sono [...]

    Leggi di più

  • 13 ottobre
    L`inferno all`improvviso

    13 ottobre La signora continua a stringermi le mani con modi convulsi e ad urlare tutta la sua disperazione. “A che servono le vostre telecamere? - mi dice - a niente. Ci salvano forse dalle bombe di Assad? E possono forse proteggere le nostre famiglie? No, solo Allah sta dalla nostra parte“ [...]

    Leggi di più

  • 14 ottobre
    La moschea dissacrata

    14 ottobre Gravemente danneggiata, dopo una lunga battaglia, la moschea degli omayyadi, patrimonio dell'umanità. Si spara ancora, anche sui giornalisti. La teca con la testa del profeta Zaccaria, padre di san Giovanni Battista, è ancora lì, intatta, presumibilmente non profanata. Tutto at [...]

    Leggi di più

  • 15 ottobre
    Per le strade di Aleppo

    La battaglia di Aleppo ha inizio il 19 luglio, con il convergere delle forze ribelli verso la città nel quadro della prima vera offensiva dell’Esercito libero siriano, denominata “Vulcano di Damasco e terremoti in Siria”. L’obiettivo degli insorti è il distretto di Salah el-Din, nella parte sudoc [...]

    Leggi di più

  • 16 ottobre
    Aleppo come Sarajevo

    Per arrivare dal fornaio, nel quartiere di Saqqur, c’è da attraversare una larga arteria stradale che è tristemente diventata famosa come il Viale dei Cecchini (in inglese sniper). Lo capisci da solo anche tu che sei forestiero, perchè la gente improvvisamente si mette a correre, chinandosi il pi [...]

    Leggi di più

  • 20 ottobre
    Porte chiuse

    Mentre la moglie e le figlie affidano il loro racconto alla mia telecamera il signore in jellaba si prende la testa fra le mani e scoppia a piangere. Sommessamente. Quasi si vergognasse della triste sorte che gli è capitata. La casa di Aleppo bombardata, la fuga precipitosa verso Killis, il posto [...]

    Leggi di più

  • 17 ottobre
    I combattenti di Allah

    Viaggio tra le brigate salafite siriane che turbano il sonno dell'Occidente. Ci hanno accolto a braccia aperte, cordialissimi. E nessuno di noi si è insospettito per il fatto che il capo, lo sheick, non voleva che si fumasse nemmeno all'aperto, nello spiazzo di questa fabbrica abbandonata che [...]

    Leggi di più

  • 18 ottobre
    Gli Shabbiha, le milizie paramilitari al servizio di Assad

    “O Assad o bruciamo il paese”. Lo slogan lo si ritrova scritto sui muri, in Siria, ed è ormai famoso. Sintetizza il pensiero e l’azione, volta a seminare distruzione e terrore, dei lealisti di Assad non inquadrati nelle forze di sicurezza o nell’esercito. Sono quasi tutti ‘alawiti, appartenenti c [...]

    Leggi di più

  • Breve storia del conflitto siriano
    Dalla prima protesta nel marzo 2011 alla guerra civile

    Dall’inizio delle proteste in Siria il conflitto fra regime e opposizioni ha conosciuto un profondo mutamento lungo le direttrici dell’organizzazione della protesta, della repressione e dell’escalation di violenza. Sommariamente possiamo suddividere il lasso di tempo che ci separa dal 15 marz [...]

    Leggi di più

  • Gli Asad e il regime siriano
    Una storia lunga cinquanta anni

    Dall’ascesa del partito Ba‘th alla situazione odierna. Una breve panoramica della storia politica ed economica siriana Agli albori Il Partito arabo socialista della resurrezione (al-ba‛th) nasce in Siria negli anni ’40 del ‘900, si diffonde in Iraq, Giordania, Libano, Egitto e Yemen. È in ori [...]

    Leggi di più

  • Il contesto internazionale
    L’intreccio di interessi che fa male alla Siria

    Una panoramica degli attori internazionali che operano o hanno propri interessi da tutelare o sviluppare attorno alla crisi siriana ci rivela uno scenario a più dimensioni. Da una parte abbiamo un contesto regionale che, sulla scia delle rivolte nei paesi arabi degli ultimi mesi, va ridisegnandos [...]

    Leggi di più

  • Jihadisti e qaidisti in Siria
    Il “terzo attore” del conflitto siriano

    Per affrontare il tema dell’estremismo islamico di matrice sunnita nel conflitto siriano è necessario porre un primo importante discrimine fra gruppi che possiamo definire “jihadisti”, dediti al combattimento contro obiettivi che vengono di volta in volta identificati “empi”, e gruppi che, dal pu [...]

    Leggi di più

  • L`Esercito Siriano Libero
    La principale fazione armata di opposizione

    L’Esercito Siriano Libero (ESL, in arabo: al-Jaysh al-suri al-harr) è la principale forza armata di opposizione al regime di Bashar al-Assad nella Siria in fiamme. Nasce il 29 luglio 2011, a cinque mesi dall’inizio della rivolta, dall’iniziativa di sette ufficiali dell’esercito siriano (delle for [...]

    Leggi di più

  • La battaglia per Aleppo
    Dalle prime proteste alla guerra di posizione

    Le due maggiori città della Siria, Damasco e Aleppo (capitale amministrativa e capitale economica) sono generalmente rimaste fuori dalla dinamica della rivolta per molti mesi, sebbene sporadicamente si siano registrate dimostrazioni e scontri.. Lungo tutto il primo anno dall’inizio della rivolta [...]

    Leggi di più

  • La Brigata Martiri di Badr ad Aleppo
    Uno dei mille frammenti che compongono l’Esercito Libero Siriano

    La Brigata Martiri di Badr (Katiba shuhada’ Badr) prende il proprio nome dalle vittime del primo scontro armato nella storia dell'Islam, la battaglia di Badr (citata anche nel Corano). Avviene il 17 marzo 624, presso i pozzi di Badr, nell’area di Medina (Penisola araba). Si tratta di un agguato a [...]

    Leggi di più

  • La composizione etnico linguistica religiosa della società siriana
    Il mosaico siriano ieri e oggi

    Una piccola guida, necessariamente incompleta, per orientarsi nel mosaico siriano, in un’area che è stata per almeno due millenni il crocevia etnico-linguistico-religioso del Vicino oriente. Un groviglio di identità e appartenenze dalla lunga storia che oggi è di importanza strategica per le part [...]

    Leggi di più

  • Le vittime nel conflitto siriano
    Dalla tragedia alla catastrofe umanitaria

    Sui numeri c’è poco accordo. Ma, comunque li si legga, descrivono una situazione che a partire dal marzo 2011 a oggi è andata aggravandosi progressivamente. Con un’impennata allarmante negli ultimi mesi. In un conflitto come quello siriano, in cui è estremamente difficile una verifica indipe [...]

    Leggi di più