Gli anni di piombo

Alcune cifre mostrano la reale entità del fenomeno rappresentato dal “partito armato”. Un gruppo di fuoco di circa duecento persone per Prima Linea, con duemila simpatizzanti; trecento regolari delle Brigate Rosse, con quasi tremila irregolari. Contro di loro 80.000 carabinieri, 100.000 poliziotti e il sostegno della maggior parte dell’opinione pubblica. Ma il vero pericolo era nella debolezza di alcuni organismi dello Stato. Gli anni di piombo: la storia del terrorismo in Italia.

 

»

 

»

 

»

 
 

Dossier Gli anni di piombo

  • Perchè Alessandrini?
    La sua vita, le sue inchieste

    Il 29 gennaio 1979 un commando di Prima Linea uccide, a Milano, il Sostituto Procuratore Emilio Alessandrini. L’omicidio di Alessandrini – 39 anni, sposato con un figlio – segna un’escalation del terrorismo che sembra senza fine: 10 morti nel 1976, 13 nel 1977, 35 nel 1978. L'omicidio colpisce l’ [...]

    Leggi di più

  • Perchè Occorsio?
    La storia di una vendetta

    Il 10 luglio del 1976, a Roma, viene ucciso il Sostituto procuratore Vittorio Occorsio: l'assassino è Pierluigi Concutelli, un militante di Ordine Nuovo. 47 anni, sposato, con due figli, Occorsio in quegli anni stava indagando sul terrorismo nero in Italia: si stava occupando infatti della st [...]

    Leggi di più

  • La prima vittima
    Storia di Luigi Calabresi

    Il 9 maggio 2009, in occasione della Giornata della memoria per le vittime della violenza politica, le vedove Pinelli e Calabresi si sono incontrate e strette la mano per la prima volta al Quirinale di fronte al Presidente della Repubblica. Milano, 17 maggio 1972, a colpi di arma da fuoco il [...]

    Leggi di più

  • Quelli di Via Fani
    Gli uomini della scorta

    Il 16 marzo 1978 gli uomini della scorta di Moro vengono uccisi da un comando delle Brigate Rosse all'incrocio tra via Fani e via Stresa, a Roma. Questa è la storia di cinque persone, poliziotti e carabinieri che hanno dato la loro vita per proteggere il Presidente della Democrazia Cristiana Al [...]

    Leggi di più

  • Morire di politica
    Violenza e opposti estremismi nell`Italia degli anni `70

    69 morti e più di mille feriti, 7.866 attentati e 4.290 episodi di violenza: sembra un bollettino di guerra, è invece il bilancio di una stagione politica tra le più drammatiche della prima Repubblica, quella che negli anni Settanta ha visto contrapposte l'estrema destra e l'estrema sinistra, il [...]

    Leggi di più

  • Valerio Verbano
    Un omicidio anomalo

    “Avevo un figlio Valerio, che riempiva la nostra vita e me lo hanno ammazzato. È caduto sul divano in quell’angolo, aveva la testa dove adesso c’è quel gattino di pezza. Sono stati i fascisti, forse per vendetta perché Valerio faceva parte di Autonomia o forse per paura. Valerio era un loro nemic [...]

    Leggi di più

  • La DC e il terrorismo nell`Italia degli anni di piombo
    Presentazione di uno studio storico

    L'assessore Pino Amato Pino Amato, classe 1930, era un uomo tenace, rigoroso e fortemente legato ai suoi ideali, cresciuto nell'azione Cattolica. È stato per alcuni anni Direttore Amministrativo del Formez, e soprattutto Consigliere comunale della DC all'interno della quale con Enzo Scotti e [...]

    Leggi di più

  • Anni Spietati - Genova
    Tra vittime e carnefici

    Genova attraversa momenti terribili durante gli anni di piombo, diventando il bersaglio di una feroce offensiva terroristica senza distinzioni di classe. Ma il coraggio dei cittadini saprà fermare la minaccia della lotta armata. Città plumbea, protesa tra le montagne e il mare, tra mille vicoli [...]

    Leggi di più

  • Anni spietati - Torino
    Una città e il terrorismo

    Leggi di più

  • Perché Mario Amato?
    Morte di un magistrato

    Mario Amato, Sostituto Procuratore della Repubblica di Roma, viene assassinato con un colpo di pistola la mattina del 23 giugno 1980. 42 anni, due figli, è il magistrato che a Roma si occupa di tutti i processi legati al terrorismo nero. La storia di un uomo lasciato solo di fronte alla violenza [...]

    Leggi di più

  • Il caso Moro
    Dal sequestro all`omicidio, i 55 giorni che cambiarono l`Italia

    Giovedì 16 marzo 1978 le Brigate Rosse raggiungono l'apice della loro strategia del terrore: portare l'attacco al cuore dello Stato. Alle 9.02 del mattino, in via Fani all'incrocio con Via Stresa, nel quartiere Trionfale a Roma, un commando composto da circa 19 brigatisti rapisce il Presidente de [...]

    Leggi di più

  • Perchè Tobagi?
    L`omicidio di un giornalista impegnato sul fronte della verità

    Il 28 maggio del 1980 alle 11.10 viene ucciso a Milano, in via Salaino, il giornalista del Corriere della Sera, Walter Tobagi. Un commando di giovani ragazzi, buona parte dei quali appartenenti a famiglie della Milano “bene“, gli spara a poca distanza da casa, mentre sta andando a piedi a prender [...]

    Leggi di più