Konrad Adenauer

 Konrad Adenauer

 


Konrad Adenauer è l'uomo che ha traghettato la Germania sconfitta e prostrata dagli anni del nazismo e della guerra mondiale verso la democrazia, ridandole un posto di primo piano tra le grandi potenze.
Insieme ad Alcide De Gasperi e al lussemburghese Robert Schuman è riconosciuto come uno dei padri politici dell'Europa unita.
Adenauer nasce a Colonia il 5 gennaio 1876 da una famiglia profondamente cattolica. Fin da giovane si dedica alla politica divenendo rapidamente uno dei principali esponenti del  "Zentrum", il partito cattolico tedesco.
Nel 1917 ricopre l'importante carica di borgomastro di Colonia e, nel 1921, incontra Alcide De Gasperi, futuro Capo del Governo italiano, in visita in Germania con Luigi Sturzo, fondatore del Partito Popolare Italiano.
Fermo oppositore del nazismo, a guerra conclusa Adenauer riassume il vecchio incarico di sindaco di Colonia, ma i rapporti con la reggenza alleata sono assai difficili tanto che gli inglesi lo accusano di incompetenza costringendolo alle dimissioni.
Dal 1945 al 1949 si dedica tenacemente a riunire le diverse formazioni democratico-cristiane sorte una dopo l'altra nella Germania occidentale.
Il risultato di tale unificazione è la nascita dell'Unione cristiano-democratica (CDU) che, congiunta all'Unione cristiano-sociale (CSU) bavarese, compone una solida coalizione. Adenauer diviene così il presidente della CDU-CSU, di cui è il leader riconosciuto. Nel 1948 è presidente del Consiglio parlamentare e nel 1949 la CDU-CSU vince le elezioni politiche generali e Adenauer diviene Cancelliere della Repubblica federale tedesca.  Dal 1948, con altri leader democristiani europei, primi fra tutti De Gasperi e Schuman, dà avvio e impulso al processo di cooperazione, unificazione e integrazione europea.
La politica di Adenauer è fermamente democratica, anticomunista, europeista e ancorata agli Stati Uniti e al "blocco occidentale".
Dal 1951 al 1957 è ministro degli affari esteri e, in questa veste, riesce anche sul piano diplomatico a portare la Germania occidentale tra le grandi nazioni democratiche.
E' del 1957 la sua folgorante vittoria elettorale. La CDU-CSU ottiene la maggioranza assoluta dei suffragi e dei seggi in Parlamento.
Il ministro dell'economia Ludwig Erhard - vicinissimo a Adenauer - avvia la ricostruzione e lo sviluppo dell'economia tedesca che, fondandosi sull'economia sociale di mercato (definizione coniata dallo stesso Erhard), in pochi anni torna ad essere una delle prime potenze economiche mondiali.
La Germania corre spedita verso un prodigioso sviluppo sociale e economico, ma ha seri problemi nei rapporti con i paesi comunisti dell'Europa orientale. Tesissimi sono i rapporti con i "fratelli dell'est", i tedeschi della Repubblica democratica tedesca. La "dottrina Hallstein" - dal nome del sottosegretario agli esteri - prevede cauti rapporti con l'Est e, soprattutto, che l'unico stato legittimato a rappresentare gli interessi del popolo tedesco sia la Germania federale.
La necessità di riunire una nuova coalizione di governo con i liberali della FDP comporta una crisi, tanto che nel 1963, dopo 14 anni di governo ininterrotto, Adenauer è costretto a dimettersi dalla cancelleria. Conserva, tuttavia, la carica di presidente della CDU. Muore il 19 aprile 1967 a Bad Honnef.